Il prontuario dello scrittore: Franco Forte


IL PRONTUARIO DELLO SCRITTORE DI FRANCO FORTE


Il prontuario dello scrittore

Franco Forte
Il prontuario dello scrittore
Genere Saggi
Formato 13x19 (16°)
Pagine 94
Prezzo Euro 8,90 (L. 17.233)
ISBN 88-7360-010-7
GIUDIZIO: 3 PUNTI SU 5
Acquistabile solo su www.libersapiens.it





Franco Forte è nato a Milano nel 1962 e svolge l'attività di scrittore, critico, giornalista e traduttore; dopo avere lavorato per undici anni presso il quotidiano Il Giorno, è adesso redattore del mensile PC World Italia e collabora con numerose altre testate.
Nel 1990 ha pubblicato Gli eretici di Zlatos per l'Editrice Nord di Milano, un ottimo esempio di fantascienza nostrana, poi nel 1996 la Keltia Editrice di Aosta ha edito una sua antologia personale di racconti intitolata Chew-9. Inoltre, Franco Forte, per la casa editrice Stampa Alternativa ha curato la realizzazione delle antologie Fantasia (21 racconti italiani inediti del fantastico), Erotic Horror (l'orrore e l'erotismo nel quotidiano) e Cyberpunk (la prima raccolta di inediti cyberpunk italiani), mentre per il settimanale Avvenimenti ha realizzato la raccolta Terzo Millennio (11 racconti del fantastico italiano). Nel marzo del 1998 è uscita per Mondadori una raccolta di 22 racconti fantastici italiani sempre curata da F. Forte dal titolo Strani giorni (Millemondi, Primavera 98), mentre nel 1999 la Garden Editoriale ha pubblicato l'antologia a cura di F. Forte I mondi di Delos (che ha raccolto i migliori racconti di fs italiani pubblicati in Internet, oltre alla storia di Delos, la prima rivista telematica di fantascienza). Nel 2000 ha pubblicato per Mondadori i romanzi Il figlio del cielo e L'orda d'oro, che compongono l'epopea in due volumi del condottiero mongolo Gengis Khan, romanzi dai quali ha recentemente tratto la sceneggiatura per un film televisivo coprodotto da Mediaset e BBC; sempre nel 2000, per Marco Tropea Editore, ha pubblicato l'ottimo romanzo China Killer, un noir nostrano dove le perversioni dell'uomo sono descritte con toni crudi e privi di qualsiasi retorica qualunquista. Ultima fatica di Franco Forte insieme a Luigi Pachi è Ombre nel Silenzio distribuito tramite la libreria on line Liber Sapiens (www.libersapiens.it, Solid books, 2002), romanzo che segna il ritorno dell'autore alla fantascienza. Inoltre, F. Forte è consulente editoriale di molte case editrici: oltre ai romanzi citati, ha pubblicato un centinaio di racconti su antologie, giornali e riviste italiani, ed è stato vincitore di numerosi premi letterari d'importanza nazionale tra cui il Merate, il Cocito, il Courmayeur, il Prione, lo Scerbanenco e il prestigioso Premio Italia (uno dei suoi ultimi racconti, La musica del piacere, è stato tradotto anche in Francia nell'ormai famosa antologia Fragments d'un miroir brisée).
Franco Forte è stato anche fondatore e direttore editoriale della rivista Ucronia. La sua attività di scrittore ed editorialista si è ben sposata con quella di traduttore: ha tradotto dall'inglese i romanzi Aristoi e Metropolitan di Walter J. Williams per Mondadori, Meglio non chiedere di Donald E. Westlake per Marco Tropea Editore e, dal tedesco, Q come Caos di Falko Blask per le edizioni de Il Saggiatore. E' anche responsabile per la narrativa di Delos, la più seguita, completa e professionale rivista del Web e dei rinomati premi Alien e Lovecraft

"Scrivere significa, essenzialmente, saper mutuare talento, stile e tecnica in un prodotto fruibile dal grande pubblico.
Talento, stile e tecnica.
Sono questi gli ingredienti che, se abilmente mescolati e utilizzati nelle giuste proporzioni, possono portare uno scrittore a calcare il palcoscenico del successo...
Il talento è una caratteristica peculiare di uno scrittore, che non può essere acquisita con la pratica, e che si sviluppa per un insieme di fattori difficilmente catalogabili. Così come è difficile riconoscere il vero talento in scrittori alle prime armi, che difettando clamorosamente di stile e tecnica non riescono a esprimere l'ecletticità del loro pensiero, altrimenti vibrante ed effervescente. Non esiste manuale che possa indicare a un apprendista scrittore il grado del suo talento, ma di certo apprendere le nozioni base della tecnica e dello stile, unitamente alle abbondanti letture, può essere un valido strumento per spalancare le porte delle proprie capacità letterarie...
Avere stile non significa necessariamente scrivere bene, bensì saper esprimere in modo personale e originale esperienze che sono patrimonio comune anche di altri, con un punto di vista non classificabile all'interno di schemi preordinati...
Tramite la tecnica è possibile migliorare il proprio stile, ed è possibile anche dare forma e omogeneità al proprio talento, emergendo dall'ordinarietà...
Questo è lo scopo del presente prontuario. Non una bibbia per autori privi di talento, e neppure un abbecedario per dilettanti privi di ispirazione e di idee. La tecnica deve essere uno strumento di precisione nelle mani di un chirurgo, e suggerire esattamente quali mosse devono essere eseguite per ottenere il miglior risultato finale.
Insieme a un certo numero di regole fondamentali che nessuno scrittore, professionista o meno, può esimersi dal conoscere.
" (un estratto dall'introduzione di Franco Forte a Il prontuario dello scrittore)
Il prontuario dello scrittore di Franco Forte non ha la presunzione di voler essere una grammatica, né una bibbia miracolosa per lo scrittore senza idee e fantasia. Perlopiù vengono dati semplici consigli stilistici e grammaticali agli scrittori in erba e a quanti sentono la necessità di esprimersi attraverso l'arte della scrittura. Questo prontuario non riuscirà a far di un pinocchio un novello Dante, piuttosto è strumento utile per correggere il proprio stile e rivedere alcune semplici ma basilari regole grammaticali, che spesse volte vengono ignorate per pura ignoranza e non con consapevole intento provocatorio.
Molte regole, molti consigli hanno un sapore squisitamente scolastico. Seguendo i consigli di Franco Forte, l'ispirato scrittore riuscirà a metter su carta un buon lavoro, forse privo di una vera impronta "personale", insomma una prima ottima bozza. Comunque il libro ha la sola pretesa di introdurre i potenziali talenti narrativi a verificare quelle che sono le loro possibili carenze grammaticali e stilistiche; l'impronta personale è cosa che il vero artista ha nel sangue e che nessuno mai potrà insegnarli.
Il prontuario dello scrittore è così articolato:

Capitolo primo
I generi letterari - Tecniche di approccio ai generi letterari

Capitolo secondo
I sentieri della scrittura - Struttura dell'opera - Dialoghi

Capitolo terzo
La grammatica fondamentale

Capitolo quarto
Accorgimenti di stile

Capitolo quinto
Le fronde dello stile

Capitolo sesto
La messa in opera - Lavorare sul dattiloscritto

Ogni capitolo ha la funzione di introdurre il prosatore a una maggiore padronanza del proprio stile ma anche, e soprattutto, della grammatica di base; infatti, sono molti i sedicenti scrittori che non hanno idea di cosa essa sia. Molti gli esempi illustrati da Franco Forte per migliorarsi, tutti molto chiari, ma alcuni davvero troppo rigidi. In definitiva, il libro è utile strumento per comprendere meglio le tecniche narrative più comuni. Per chi ha volontà, pazienza e capacità creativa (o creative), consiglio di approfondire maggiormente i concetti chiave che Il prontuario dello scrittore affronta. Il messaggio di Franco Forte è chiaro: artisti si nasce, non ci si inventa tali, comunque non dall'oggi al domani: occorrono tanti, tanti sacrifici e una buona dose di testarda motivata perseveranza.

Giuseppe Iannozzi



 

Per ulteriori informazioni fai click sui seguenti collegamenti:

Libersapiens: il sito dove si puó acquistare Il prontuario dello scrittore

 
Segnala questa pagina ad un amico - servizio offerto da Bravenet

Inserisci:        

Stampa questa pagina