Iscriviti a IntercoManga

la lista per ricevere le informazioni sugli aggiornamenti del sito

 e per entrare a far parte del mondo degli appassionati di anime e manga.

 

 


Vogliamo parlare?

Chat !


Vuoi scriverci per una domanda, un consiglio, una critica? Hai un articolo o una recensione che vorresti sottoporre alla redazione di IntercoManga? Puoi farlo cliccando sul logo qui sotto.



Animazione in TV

Caro Danilo. Complimenti per l'ultimo numero di Intercom! Visto che su questa rivista esiste una sezione speciale dedicata ai fumetti ed al cinema di animazione, vorrei segnalare che sabato 16 ottobre, la rete Mediaset Italia 1 ha trasmesso addirittura in prima serata un orrendo film di animazione computerizzata tridimensionale intitolato "Barbie Raperonzolo", diretto da tale O. Hurley che potrebbe ricevere l'"Oscar" come peggior regista di film di animazione di tutta la storia dell'Umanità. Certamente questo film dovrebbe essere utilizzato a scopo didattico per insegnare come "NON" si devono realizzare le opere di animazione cinematografica. Personaggi stereotipati, situazioni scontate, miele, zucchero e melassa che colano da tutte le parti, saranno forse cose che potranno piacere a qualche bambina statunitense ingozzata di popcorn e sciroppo d'acero, ma non credo siano adatte al pubblico italiano, ancora non completamente lobotomizzato dalla colonizzazione culturale americana, come vorrebbe un certo sig. Berlusconi. Per fortuna nella stessa giornata alle ore 15.45 su RAI 2 è andata in onda la prima puntata di "Anime Club", una tramissione che si propone di illustrare al pubblico italiano alcuni degli ultimi e più interessanti prodotti dell'animazione giapponese, ed in particolare quelli destinati ad un pubblico più "adulto". Era ora ! Con mia grande gioia è stata così trasmessa la prima puntata di "Strange Dawn", una serie televisiva di Junichi Sato, prodotta nell'anno 2000, già disponibile presso la Dynamic Italia in edizione doppiata e molto curata , ma a prezzi un pò troppo esorbitanti, per i miei gusti. "Strange Dawn" è veramente inclassificabile, e provoca un incredibile senso di spiazzamento. Potrebbe essere fantascienza, ma poi vira nella fantasy. Appartiene a quel tipo di opere che scaraventano personaggi apparentemente normali in ambienti completamente strani ed assurdi, come "Inuyasha" e "I Cieli di Escaflone "In Italia finora queste cose sono state trasmesse solo dalla piccolissima emittente MTV. Per la RAI e Mediaset finora i cartoni animati erano sempre stati considerati come "roba per bambini" "Strange Dawn" decisamente non è roba per bambini. C'è tanto sangue, guerra, morte, ed anche un pò di sesso. ma anche molto amore e tantissima poesia. Tutto inizia con due studentesse liceali, Yuko ed Eri, che camminano in un paesaggio desertico, evidentemente si sono perdute, ma non ci viene spiegato nè come, nè perchè. Esse appaiono come i personaggi di una di quelle tipiche serie televisive di animazione giapponese ambientate nei vari "colleges", sono longilinee, pulitine, con la la loro bella divisa, talmente linde e perfette da sembrare finte. Tutto cambia quando esse vengano assalite da delle creaturine alte 50 cm che sembrano dei bambolotti di peluche, le quali arrivano loro addosso volando a bordo di una specie di libellule giganti. Nella confusione che segue, esse vengono "salvate" da un altro omino il quale si offre si scortarle nel suo villaggio, dove esse vengono accolte con grandi feste in quanto appaiono come i famosi " demoni umani" dei quali un oracolo da lungo tempo aveva annunciato l'arrivo. Da questo momento in poi cambia la prospettiva, e tutto incomincia a svolgersi dal punto di vista degli abitanti del villaggio, che a poco a poco diventano i veri protagonisti della vicenda, con i loro problemi e le loro preoccupazioni (c'è una guerra in corso), mentre le ragazzine appaiono ai loro occhi come dei giganti prepotenti e capricciosi, che vorrebbero solamente tornare a casa. Animazione sontuosa, fondi scenici spettacolari e musiche bellissime sono gli ingredienti di questa splendida serie televisiva che verrà trasmessa ogni sabato alle ore 15,45 su RAI 2. Speriamo tra poco di vedere sulle reti RAI anche altre serie di "anime" famose, inedite in Italia, come "Angelic Layer", e "Hand Maid May". Ma forse questo sarebbe chiedere troppo.

Saluti da Gianni Ursini.